Classical Music Buzz > MusicaProgetto > Virginia Arancio, Conservatorio ...
Musiche di Dowland, Villa-Lobos, Turina, Takemtisu, Cage e Piazzolla, con la partecipazione del fisarmonicista Davide Vendramin


È incentrato sulla produzione chitarristica dello scorso secolo, con la sola eccezione del brano introduttivo del compositore rinascimentale inglese John Dowland, il concerto che inaugurerà la Stagione Concertistica 2012/2013 della De Sono presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, lunedì 15 ottobre ore 21.00. Protagonista dell’appuntamento la chitarrista Virginia Arancio, assegnataria di una borsa di studio triennale della De Sono (2009-2011), che, dopo il diploma di strumento al Conservatorio di Alessandria con Guido Margaria, si è trasferita in Svizzera dove ha conseguito il Konzertdiplom (2008) e un Master in Pedagogia della Musica (2011). 
Membro dal 2008 dell’Ensemble Algoritmo, Virginia Arancio ha rivolto molte delle sue attenzioni al repertorio contemporaneo, suonando tra l’altro sotto la direzione di Pierre Boulez, in due opere dello stesso Maestro nelle fila dell’Orchestra dell’Accademia del Festival di Lucerna. Attualmente insegna chitarra presso i Conservatori di Berna e Winterthur. Nel concerto di lunedì, a ingresso libero dalle 20.30, Virginia Arangio eseguirà l’esecuzione di musiche di John Dowland, Heitor Villa-Lobos, Joaquin Turina, Toru Takemitsu, John Cage e, a chiudere la serata, l’Histoire du tango di Astor Piazzolla che vede la partecipazione del fisarmonicista Davide Vendramin.





Virginia Arancio si è diplomata in Chitarra sotto la guida di Guido Margaria, presso il conservatorio di Alessandria. Nel 2005 si è trasferita a Berna (Svizzera) per specializzarsi in Interpretazione della Musica Contemporanea con Elena Casoli, conseguendo il Konzertdiplom con Menzione presso la Hochschule der Künste di Berna (HKB) nel 2008, col progetto "Smiling Behind the Eyes", centrato sul rapporto tra opere del repertorio contemporaneo nsperimentale per chitarra e le arti visive. Borsista De Sono tra il 2009 ed il 2011, ha conseguito un Master in Pedagogia della Musica nel giugno 2011, alla HKB, con la tesi sperimentale "Four par Quatre": un progetto di apertura all'ascolto, ricerca sul suono ed approccio alla musica sperimentale attraverso l'opera di John Cage e la sua composizione "Four 6", rivolto a quattro giovani musicisti di 10/12 anni. Nel settembre 2011 ha suonato sotto la direzione di Pierre Boulez come chitarrista della Lucerne Festival Academy Orchestra, in due opere dello stesso Maestro: Pli selon Pli e Éclat/Multiple (KKL, Lucerna). Dal 2008 fa parte dell'Ensemble Algoritmo, diretto da Marco Angius. Nell’ambito della musica contemporanea si è esibita con strumenti diversi (chitarra classica, chitarra elettrica, banjo) in festival quali Milano Musica; Lucerne Festival, Cantiere Internazionale d’arte di Montepulciano; La Via Lattea (con MDI Ensemble, direttore Yoichi Sugiyama), Next Generation (ZKM - Karlsruhe, Germania), Weimarer Frühjahrstage für zeitgenössische Musik (Weimar, Germania), Vom Himmel (Berna), Biennale Berna. Nel campo del teatro musicale ha suonato in opere di Annette Schmücki, Claudia Kobler, Leo Dick, Daniel Ott. Tra il 2007 e il 2011 ha collaborato col compositore di musica elettronica Marcel Sägesser, esibendosi in Svizzera, Italia e Germania. Ha suonato con orchestre tra cui la Schweizer Jugend Sinfonie Orchester, Orchestra Filarmonica Italiana, Orchestra Classica di Alessandria. Si esibisce regolarmente in ensemble, in formazioni cameristiche (tra cui il quintetto Deseo de Tango, dal 2005, il duo Mnema, il duo Aura) e come solista, con un'attenzione particolare al repertorio sperimentale e contemporaneo. Virginia è attualmente docente di Chitarra presso il Conservatorio di Berna e il Conservatorio di Winterthur.

Conservatorio «Giuseppe Verdi» di Torino, piazza Bodoni 6 Lunedì 15 ottobre 2012 ore 21.00
Virginia Arancio chitarra
John Dowland (1563-1626) Fortune Mrs. Winter’s Jump Come Away
Heitor Villa–Lobos (1887-1959) Chôros n.1
Toru Takemitsu (1930-1996) da Gita no tame no juni no uta (12 canzoni per chitarra) Over the rainbow (Harold Arlen) Michelle (Paul McCartney/John Lennon) Yesterday (John Lennon / Paul McCartney)
Joaquin Turina (1882-1949) Fandanguillo op. 36 Sevillana op. 29
John Cage (1912-1992) The wonderful widow of Eighteen springs, per voce e pianoforte chiuso (arrangiamento per chitarra)
Astor Piazzolla (1921-1992) Histoire du tango, per flauto e chitarra (arrangiamento per fisarmonica e chitarra) Bordel Café Night Club Concert d’Aujourd’hui
Davide Vendramin, fisarmonica
ingresso libero
Soci, amici e sostenitori dell’Associazione possono prenotare i posti telefonando allo 011.66.45.645 oppure scrivendo all’indirizzo desono@desono.it.
Per informazioni: De Sono Associazione per la Musica, tel. 011 66.45.645, www.desono.it, desono@desono.it

Adriana Benignetti


PER INFORMAZIONI SUL LIBRO LEGGI QUI
5 years ago |
Tag
| Read Full Story
InstantEncore