Classical Music Buzz > MusicaProgetto
MusicaProgetto
Adriana Benignetti
2021 Entries
Domenica 30 novembre alle ore 11.00, 2° appuntamento della rassegna “Ti suono una fiaba 2014/2015 con la voce recitante di Federico Manfredi, la regia di Manuel Renga e la direzione di Daniele Parziani
L’Orchestra de I Piccoli Pomeriggi Musicali vi aspetta per il secondo appuntamento della rassegna Ti suono una fiaba 2014/2015con il racconto popolare inglese Jack e il fagiolo magico. L'orchestra, diretta dal M° Daniele Parziani accompagnerà la voce recitante di Federico Manfredi per la regia di Manuel Renga, curatore dell’intera rassegna.
La favola racconta le vicende di Giacomino, unico figlio di una vedova in disgrazia, che accetta di scambiare la sua mucca con cinque misteriosi fagioli magici offertigli da un buffo personaggio, e viene per questo rimproverato dalla madre. Ma i fagioli si riveleranno magici per davvero e inizierà per Giacomino una rocambolesca serie di avventure, che culmineranno con il pericoloso incontro con un orco che vive in una casa nel cielo e che metteranno a dura prova l'astuzia del nostro piccolo eroe.
Il racconto sarà accompagnato dalle musiche di Holst (Suite), Menken e Schwartz (Color of the wind) e di Endrigo (Ci vuole un fiore), oltre che da tradizionali canti celtici, che, aumentando l'atmosfera fiabesca, accompagneranno i piccoli spettatori in un viaggio magico lungo la pianta di fagioli che arriva fino in cielo.
I Piccoli Pomeriggi Musicali sostengono Apeiron Associazione di volontariato Onlus.
Grazie anche ai fondi raccolti durante i concerti della stagione scorsa e di questa stagione si potrà avviare il progetto Hamro Ghaar che in nepalese significa La nostra casa, che ha come obiettivo migliorare le condizioni di vita di trenta famiglie appartenenti alla comunità di spaccapietre insediati sulle rive del fiume Agrakhola nel Distretto di Dhading, in Nepal. Il progetto, inserendosi in seno a un intervento olistico avviato da Apeiron dal 2009 e volto a facilitare l’affrancamento dalla situazione di moderna schiavitù nella quale vivono le famiglie di spaccapietre, intende fornire ai più poveri e vulnerabili tra loro un’abitazione dignitosa che sostituisca la capanna in rami e plastica in cui vivono ora. E per ogni concerto, anche sul palco del Teatro Dal Verme verrà quindi posto un piccolo mattoncino per costruire queste case di speranza.
Per informazioni sull'iniziativa visita il sito: www.apeiron-aid.org
L’Orchestrade I Piccoli Pomeriggi Musicalinasce nel 2007 e si esibisce nello spettacolo di Francesco Micheli I Musicanti di Brema, che si è tenuto presso il Teatro Dal Verme di Milano. Il grande successo dello spettacolo spinge la Fondazione I Pomeriggi Musicali, in collaborazione con l'Associazione culturale Sconfinarte, a istituire l’Accademia di Formazione Professionale Orchestrale I Piccoli Pomeriggi Musicali. Essa nasce per promuovere la cultura orchestrale tra i bambini avviati allo studio della musica preparandoli all’esecuzione dei concerti della stagione di musica per i bambini, ma si pone anche lo scopo di appassionare le nuovissime generazioni al mondo della musica classica. I Piccoli Pomeriggi Musicali sono Nucleo aderente al Sistema e fanno parte di FuturOrchestra, l’orchestra lombarda del Sistema delle Orchestre e dei Cori Giovanili in Italia patrocinato dal M° Claudio Abbado. I Piccoli Pomeriggi Musicali sono oggi considerati tra le realtà più interessanti nel panorama delle formazioni giovanili. Direttore della formazione è, dalla sua fondazione, il M° Daniele Parziani.
Daniele Parzianiè, dalla fondazione, il Direttore musicale dell'Accademia de I Piccoli Pomeriggi Musicali. Si è laureato in direzione d'orchestra, con distinction, presso la Newcastle University, in Inghilterra, dove gli è stata affidata la direzione della Newcastle University Symphony Orchestra. È stato allievo effettivo al corso di direzione d’orchestra del M° Gianluigi Gelmetti presso l’Accademia chigiana di Siena. È attualmente dottorando presso il Royal Northern College of Music di Manchester, dove svolge una ricerca specialistica sulla direzione delle orchestre giovanili. Musicista eclettico, Daniele ha arrangiato e diretto gli archi della Czech National Symphony Orchestra per l'album Ricreazione, il nuovo disco di Malika Ayane, artista raffinata del panorama pop italiano con cui collabora stabilmente. Parziani è, inoltre, membro cofondatore del Trio NefEsh, formazione con cui svolge un'intensa attività concertistica e un lavoro di ricerca musicale che spazia dal klezmer al tango, dalle musiche balcaniche a quelle mediorientali, a cavallo fra classico, jazz e popolare.
Federico Manfredi studia con César Brie, Maria Consagra, Claudio de Maglio, Alessio Bergamo, Kuniaki Ida Danio Manfredini, Filippo Timi e nel 2008 si diploma attore presso la Civica Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Nel 2004 ha seguito il corso di doppiaggio presso L’Accademia Nazionale del Cinema di Bologna, sotto la guida degli insegnantiRodolfo Bianchi, Susanna Javicoli, Massimo Giuliani, mentre nel 2005, il corso di recitazione presso la Scuola di Recitazione dell’ITC Teatro di S. Lazzaro di Savena. Benché giovanissimo, ha già lavorato in prestigiosi teatri e partecipato a molti film e trasmissioni televisive e, per il secondo anno, è una delle voci recitanti per Ti suono una fiaba.
Manuel Renga si diploma al corso di Regia Teatrale della Scuola di Teatro paolo Grassi nel 2013 e partecipa in seguito a vari e prestigiosi laboratori in Italia. Già nel 2007 Manuel è attivo nel campo teatrale, quando costituisce, con la coreografa Marcella Merigo, l’Associazione Culturale La Corte dei Miracoli per la diffusione delle attività artistiche tra i giovani del territorio dell’Alto Garda, in particolare di teatro, danza e canto. L’attività principale si concentra sulla produzione di spettacoli teatrali corali, per i quali Manuel si occupa di regia e drammaturgia. È invece dell’anno successivo l’ideazione del progetto Tradizioni a Teatro, che vede la formazione di un gruppo di trenta persone dai 20 agli 80 anni per la messinscena dello spettacolo Arcane magie di solstizio d’estate. Sempre dal 2008 su richiesta dell’Assessorato alla Cultura e alla Pubblica Istruzione organizza e realizza un laboratorio annuale sulla didattica teatrale per insegnanti delle scuole materne, elementari e medie inferiori: il lavoro finale dal titolo Vi racconto una fiaba è uno spettacolo di narrazione interattiva messo in scena nelle scuole materne e elementari con il supporto degli insegnanti partecipanti al laboratorio. Partecipa per la prima volta al Toscolano Maderno Art Festival nel 2009, con lo spettacolo Sin identidad tango, curando sceneggiatura e regia e dove recita con Isabella D’Ansembourg e Alessandro Zanetti, formati presso la Scuola dell’Attore di Scena Sintetica di Brescia. Nel 2010, è giurato per due anni al Festival di teatro per compagnie scolastiche Gabriele D’Annunzio, presso il Vittoriale degli italiani. Riceve dalla direzione artistica l’incarico di organizzare uno stage per i migliori ragazzi selezionati durante le dieci serate del festival: è in questa occasione che conosce la compagnia scolastica del Liceo Copernico di Brescia e in particolare lavora poi con alcuni allievi alla realizzazione dello spettacolo che avrà come titolo Incanti. Dalla stretta collaborazione con attori e registi compagni di corso presso la Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano nasce lo spettacolo Come cani al guinzaglio, ispirato a Bent di Martin Sherman, che debutta in occasione del Toscolano Maderno Art Festival 2011 con il titolo Ah…nimali@Anima…li.com.Dopo il diploma fonda, a Milano, l’Associazione Chronos3, con la quale produce, in collaborazione con la Scuola Paolo Grassi, Il Cane la notte e il coltello di M. von Mayenburg, che debutta al Festival Scena contemporanea e al Piccolo Teatro Studio di Milano. Debutta al teatro Franco Parenti con Hamlet without eyes, una performance per pubblico bendato ispirata a Amleto di Shakespeare. Dirige il festival di Teatro di strada e arte contemporanea Come a Montmartre sul lago di Garda, evento che raccoglie artisti italiani ed europei. Nel 2013/14, cura la prima edizione di Ti suono una fiaba, la stagione concepita tra teatro e musica dell’Orchestra I Piccoli Pomeriggi Musicali, con la collaborazione di Milano teatro - Scuola Paolo Grassi e il sostegno di Fondazione Cariplo.  Teatro Dal VermeVia San Giovanni sul Muro 2 – Milano
Domenica 30 novembre 2014 ore 11.00
I PICCOLI POMERIGGI MUSICALI TI SUONO UNA FIABA 2014/2015
Jack e il fagiolo magicoRacconto popolare inglese
Voce recitante: Federico ManfrediRegia: Manuel RengaDirettore: Daniele ParzianiOrchestra I Piccoli Pomeriggi Musicali

BIGLIETTIAdulti € 7,00 (+ prevendita) - Bambini € 5,00 (+ prevendita)
Biglietteria TicketOne – Teatro Dal Verme Via San Giovanni Sul Muro, 2 – 20121 Milano Tel. 02 87.905.201dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00 - Domenica (nelle date dei concerti) ore 10:00 – 11:00www.ipomeriggi.it 
Biglietteria on-line: www.ticketone.it

(Comunicato stampa)
23 hours ago | |
Tag
| Read Full Story
Presentata questa mattina la nuova rassegna musicale, organizzata dall’Associazione Musicale Lucchese e Teatro del Giglio, che si svolgerà dall’8 al 10 maggio 2015 con anteprime il 18, 24 e 30 aprile

Tre giorni di musica, 35 appuntamenti nelle piazze, nei musei, nei palazzi e nelle chiese più belle di Lucca, circa 400 musicisti, oltre 30 ore di musica di qualità assoluta: tutto questo (e molto altro) è Lucca Classica Music Festival, la nuova rassegna di concerti sinfonici e musica da camera, guide all’ascolto, concerti per bambini e “pensieri sulla musica” con artisti, scienziati e intellettuali organizzata da Associazione Musicale Lucchese e Teatro del Giglio con il patrocinio della Prefettura di Lucca, la collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e il sostegno di Lucar-BMW.

Da venerdì 8 a domenica 10 maggio 2015  la città si trasformerà in un grande palcoscenico per ospitare una manifestazione completamente nuova, pensata per riempire di musica ogni angolo di Lucca e immergere cittadini e turisti in una singolare esperienza, al contempo culturale e emotiva.
La manifestazione è stata presentata questa mattina nel Ridotto del Teatro del Giglio dal presidente dell'AML, Marcello Parducci, dal direttore generale del Teatro, Manrico Ferrucci, dall’amministratore del Teatro Stefano Ragghianti, dal direttore artistico dell'AML, Simone Soldati. Sono intervenuti, inoltre, il sindaco di Lucca, Alessandro Tambellini, e il vice presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Maido Castiglioni.
«Un’iniziativa di altissimo livello questa di Lucca Classica Music Festival, il cui frutto più bello è la sinergia tra enti e associazioni», ha detto il primo cittadino.
Soddisfazione per la rinnovata collaborazione con AML da parte del Teatro è stata espressa da Manrico Ferrucci e Stefano Ragghianti.  «Un programma ricco che abbraccia ambiti diversi della musica e non solo, al quale siamo felici di collaborare».
«La musica - ha affermato Maido Castiglioni - è un linguaggio universale, la musica è cultura, educazione e bellezza. La Fondazione Cassa di Risparmio ringrazia AML per il costante impegno e la qualità dei progetti proposti negli anni».
«Al termine di questo 2014, in cui abbiamo celebrato il 50esimo anno di attività e durante il quale abbiamo ricevuto moltissimi riconoscimenti, ci è sembrato importante proporre questo nuovo Festival che rappresenta l’evoluzione di Lucca in Musica e l’arricchisce di nuovi contenuti».
Il programma del Lucca Classica Music Festival è stato illustrato dal direttore artistico dell’AML Simone Soldati, che ha sottolineato come l’intento della manifestazione sia quello di riempire ogni angolo della città di musica, in un modo nuovo e coinvolgente. Per fare questo l’AML si è avvalsa della collaborazione dell’agenzia di comunicazione Lindbergh con la quale è stato creato il “mood” di Lucca Classica.
ANTEPRIMA “LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL”
In aprile, come anteprima del Lucca Classica Music Festival, tre appuntamenti: l'Orchestra di Padova e del Veneto con Massimo Quarta (18 aprile) per un concerto in occasione  del Festival del Volontariato; l'esibizione dell'Orchestra e del Coro dell'Istituto Boccherini diretti da GianPaolo Mazzoli (24 aprile) e il concerto dei vincitori delle borse di studio che l'AML ha istituito in memoria di Carol Mac Andrew, prima presidente dell'Associazione.

LUCCA CLASSICA “È” LUCCA
Il teatro del Giglio, le mura urbane, la chiesa di San Francesco, Palazzo Ducale, piazza dell'Anfiteatro, via Fillungo, il loggiato di Palazzo Pretorio, il museo Guinigi, Palazzo Pfanner, il museo di Palazzo Mansi, la chiesa di S. Caterina, il Lu.c.c.a Museum, la basilica di San Frediano, la Torre Guinigi, la casa natale di Puccini sono solo alcuni dei luoghi che la manifestazione toccherà, grazie alla collaborazione tra AML e le istituzioni cittadine, coinvolte dagli organizzatori fin dall'inizio di questa “avventura”.
Nell’ambiente musicale e culturale italiano c’è entusiasmo e molta attenzione per questa manifestazione che coinvolgerà non solo grandi musicisti ma anche note firme del giornalismo nazionale, intellettuali e personaggi accomunati dalla passione per la musica. Non a caso il Lucca Classica Music Festival gode della media partnership di Rai Radio Tre, della rivista Amadeus e ha ricevuto lo straordinario patrocinio di Expo 2015.
Lucca Classica si presenta come un'esperienza gioiosa, aperta, “pop”, che propone la musica classica come musica per tutti, capace di parlare a giovani e meno giovani, appassionati e neofiti. Una manifestazione con le radici ben salde nella tradizione e nella storia musicale della città, ma capace di portare quella stessa musica fuori dai luoghi che istituzionalmente la ospitano per proiettarla nelle strade, tra la gente con i concerti nelle piazze, una street band e molte altre iniziative.

UN ASSAGGIO DEL PROGRAMMA
Il concerto inaugurale, con la Sinfonia n.9 di Beethoven, sarà affidato alla Spira Mirabilis Orchestra, una compagine eccezionale, ritenuta dalla critica internazionale erede del modo di concertare caro a Claudio Abbado.
Tra i tantissimi appuntamenti in calendario si segnalano la lectio magistralis di Gherardo Colombo sul rapporto tra musica e democrazia; l’incontro con la giornalista scientifica Silvia Bencivelli e con Giuseppe Scotti che ci parleranno del rapporto tra musica e neuroscienze; l’incontro con Mario Brunello, ospite del Festival nella doppia veste di scrittore e musicista presentando con Oreste Bossini (Rai Radio Tre) il suo libro “Silenzio” per poi suonare il suo fantastico violoncello.
E ancora Gabriella Caramore che parlerà della “Pazienza”; Sandro Cappelletto con il suo libro dedicato all’ultimo anno di vita di Schubert e a seguire l’esecuzione di Winterreise con il bravissimo Marcello Nardis con Simone Soldati al pianoforte.
Si segnala poi la presenza di Susanna Rigacci (voce di Ennio Morricone nei suoi concerti in tutto il mondo), Andrea Lucchesini, Cristiano Rossi, Angelo Foletto, Giovanni Bietti, Carlo Fabiano, i Giovani studenti dell’Accademia Nazionale di S.Cecilia.
In programma anche lo Stabat mater di Boccherini con il Gringolts Quartet, Mailn Hertelius e Gabriele Ragghianti; il concerto sarà preceduto dall’incontro con Elio, cantante della band “Elio e le storie tese”, grande conoscitore di musica e travolgente comunicatore.
Nei giorni del Festival, inoltre, gli studenti del Boccherini organizzeranno una street band che attraverserà la città portando la musica in giro per le strade del centro storico. In programma anche un insolito djset con brani di musica classica.

PREMIO LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL 2015
All'interno della manifestazione, un momento di grande intensità e di respiro internazionale con il conferimento del Premio Lucca Classica Music Festival 2015 alla musicista e compositrice russa Sofia Gubaidulina, una delle protagoniste più coraggiose e interessanti del panorama musicale contemporaneo, membro onorario straniero dell'American Academy of Arts and Letters, insignita del Leone d'oro alla carriera, a Venezia, nel 2013. Si tratta di una presenza assolutamente straordinaria e rappresenta un’occasione unica per la città di Lucca. A Sofia Gubaidulina sarà dedicato un concerto tenuto dai giovani dell’Istituto Musicale Boccherini.
Il programma completo, le informazioni e i prezzi dei biglietti saranno presto online sul sito dell’AML (www.assocazionemusicalelucchese.it) e del Teatro del Giglio (www.teatrodelgiglio.it).

(comunicato stampa)
1 day ago | |
Tag
| Read Full Story
La cerimonia di premiazione si svolgerà lunedì 1 dicembre alle ore 21.00 presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino
(Foto di Tobias Indermuehle)

«Il profondo rispetto per ciò che riguarda la rappresentazione musicale e i suoi contenuti fanno di lui un interprete speciale, un veicolo prezioso per una comprensione profonda, in equilibrio tra oggettività e soggettività, cifra autentica del musicista cosiddetto “interprete”».

Con queste parole il pianista di fama internazionale Filippo Gamba, primo premio al Concorso Geza Anda del 2000, ricorda la prima lezione di Marco Scilironi, suo allievo presso la Musik-Akademie Basilea, a cui la Fondazione Renzo Giubergia, nelle persone del Presidente Paola Giubergia e del Direttore Artistico Francesca Gentile Camerana, conferisce la seconda edizione dell’omonimo Premio.
La cerimonia di premiazione si svolge lunedì 1 dicembre 2014 alle ore 21.00, nell’ambito del concerto organizzato in collaborazione con la De Sono Associazione per la Musica che vedrà protagonisti, oltre allo stesso Scilironi, la formazione da camera Archi De Sono sotto la guida del proprio primo violino concertatore Alessandro Moccia, attualmente primo violino della prestigiosa Orchestre des Champs Élysées di Philippe Herreweghe.
Il programma del concerto, realizzato in collaborazione con la De Sono Associazione per la Musica, prende il via con la Fantasia in sol minore per pianoforte solo Wq 117:13 di Carl Philipp Emanuel Bach, seguito dal Concerto per pianoforte e orchestra in mi bemolle maggiore Wq 41 dello stesso autore. Al termine della prima parte avrà luogo la premiazione, dopo la quale il virtuosismo di Scilironi avrà modo di esprimersi in tutta la sua evidenza nel Rondò a capriccio op. 129 di Ludwig van Beethoven, lavoro sui generis nella produzione beethoveniana ed espressione paradigmatica dell’umorismo musicale del compositore come si evince dallo stesso bizzarro sottotitolo “La collera per il soldino perduto”. Spazio alla formazione della De Sono nella seconda parte, interprete della Sinfonia n. 5 in si bemolle maggiore di Franz Schubert.
Il concerto è a ingresso libero fino a esaurimento posti.
Conservatorio «Giuseppe Verdi» • Piazza Bodoni • TorinoLunedì 1 dicembre 2014 ore 21.00
PREMIO RENZO GIUBERGIA 2014
Archi De SonoAlessandro Mocciaprimo violino concertatoreMarco Scilironipianoforte

Carl Philipp Emanuel Bach (1714-1788)Fantasia in sol minore Wq 117:13Concerto per pianoforte e orchestra in mi bemolle maggiore Wq 41Ludwig van Beethoven (1770-1827)Rondò in sol maggiore op. 129La collera per il soldino perdutoFranz Schubert (1797-1828) Sinfonia n. 5 si bemolle maggiore D 485
Ingresso gratuito, fino a esaurimento posti

Il concerto è realizzato in collaborazione conDe Sono Associazione per la Musica

(comunicato stampa)
1 day ago | |
Tag
| Read Full Story
Sarà inaugurata questa sera, alle ore 19.00, la mostra che espone 30 opere dalla collezione di Adriana Panni, nel ventennale della morte

Dal 29 novembre al 14 gennaio(con inaugurazione venerdì 28 novembre alle ore 19.00) al Museo degli Strumenti Musicali dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia saranno esposte trenta opere appartenenti alla collezione privata di Adriana Panni.

Brillante animatrice dei salotti culturali romani e direttrice artistica dell’Accademia Filarmonica negli anni Settanta-Ottanta, Adriana Panni era celebre per i suoi modi franchi e disinvolti, ma anche per il gusto, l’intuizione e l’infallibile giudizio che le permisero di segnare, con le sue scelte artistiche all’avanguardia, la vita culturale romana di quel periodo. Mettere insieme de Chirico, Cagli e Ceroli con rarità di Respighi, Petrassi e Stravinskij negli spettacoli della Filarmonica era, in quegli anni, politica culturale nel senso più eletto del termine. Ora questa mostra ne rivela un aspetto non secondario, quella di amica e seduttrice di artisti, di collezionista dal fiuto infallibile, capace di coniugare la sua spontaneità romana, con una raffinatezza di gusti innata, non solo nella musica. La sua collezione di arte figurativa contemporanea è, in effetti, specchio della sua attività nel campo dell’organizzazione degli spettacoli, delle sue amicizie e contatti, delle sue passioni e del suo spirito sperimentatore.
L’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, della quale era membro effettivo, intende così renderle omaggio nella ricorrenza dei vent’anni dalla sua scomparsa.
------------MUSA. Museo degli strumenti musicali dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia29 novembre 2014 – 14 gennaio 2015
Ingresso liberoMostra a cura di Marcello Panni, Annalisa Bini, Laura Bognetti Coordinamento Cecilia NanniAllestimento Massimo MontiMontaggio audio e video Matteo RubertoTrasporto e imballaggio Gondrand – Gruppo FERCAM Divisione ArteAssicurazione MAG JLT Divisione Fine Art
Si ringraziano l’Accademia Filarmonica Romana e RAI Radio 3Audio in mostra: RAI Radio 3, Appunti di volo del 20 agosto 1994. La musica di Adriana PanniCatalogo Edizioni dell’Accademia Nazionale di Santa Ceciliaa cura di Marcello PanniTesti Alberto Arbasino, Paolo Baratta, Bruno Cagli, Marcello Panni, Carlo Pavolini, Claudio StrinatiIl catalogo della mostra è vendita al MUSA al costo di 7 euro.

(comunicato stampa)
1 day ago | |
Tag
| Read Full Story
Sabato 29 novembre alle ore 17.00, un concerto interamente dedicato a Mozart per la stagione de “I Pomeriggi Musicali” di Milano. Protagonisti l’Orchestra di Padova e del Veneto, Francesca Dego e Domenico Nordio (nella triplice veste di violinista, violista e direttore)
Torna al Teatro dal Verme, all’interno della 70° Stagione sinfonica, l’Orchestra di Padova e del Veneto; si rinnova così un rapporto di collaborazione ormai consolidato tra la formazione veneta e l'Orchestra I Pomeriggi Musicali. Protagonisti del concerto saranno, inoltre, la violinista Francesco Dego e il direttore Domenico Nordio, impegnato altresì nel ruolo di solista alla viola e al violino.

Il programma sarà interamente dedicato a Wolfgang Amadeus Mozart. La serata si aprirà con il Concertone in Do maggiore per violino e orchestra K 190; nei tre movimenti (Allegro, Andante, Minuetto) i due solisti Francesca Dego e Domenico Nordio daranno vita a un dialogo elegante tra loro e l'orchestra, creando un gioco di contrappunto strumentale.
A seguire, la solista Francesco Dego eseguirà il Concerto in Si bemolle maggiore per violino e orchestra K 207, composto da tre movimenti in forma-sonata (Allegro moderato, Adagio, Presto): in esso il ruolo del violino solista si inserisce abilmente nel discorso variegato con il “tutti” orchestrale e crea effetti di piacevole intrattenimento musicale. Si prosegue con la famosissima Serenata in Sol maggiore “Eine kleine Nachtmusik” K 525, esempio luminoso e universalmente conosciuto di serenata notturna, in cui la meditata disposizione in quattro tempi, la valorizzazione tematica e l'eleganza della linea melodica rivelano la grande maestria mozartiana.
A concludere sarà la Sinfonia Concertante in Mi bemolle maggiore per violino, viole e orchestra K 364, massimo risultato raggiunto da Mozart nella composizione per più solisti e orchestra. Peculiare del brano è innanzitutto il rapporto fra i due solisti, conflittuale e solidale allo stesso tempo; nella K 364, infatti, il timbro scuro della viola ha il compito di attenuare il brillio del violino e sinfonia e concerto si incrociano, alleggerendo lo stile serioso della sinfonia con le divagazioni brillanti e virtuosistiche dello stile concertante.  
Domenico Nordio, violinista, violista e direttore d'orchestra, ha suonato alla Carnegie Hall di New York, alla Salle Pleyel di Parigi, al Teatro alla Scala di Milano, al Barbican Center di Londra e alla Suntory Hall di Tokyo. Nella sua trentennale carriera si è esibito con la London Symphony, la National de France, l’Orchestre de la Suisse Romande, l’Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia, le Orchestre della Radio di Stoccarda, Madrid, Lugano e Sofia, la Sinfonica di Mosca, la Nazionale della RAI e la Nazionale di Spagna diretto da Flor, Steinberg, Casadesus, Luisi, Karabtchevskij, Lazarev, Aykal. Le recenti apparizioni alla Sala Grande della Filarmonica di San Pietroburgo, alla Filarmonica Enescu di Bucarest, al Teatro Municipal di Rio de Janeiro, al Teatro Colon di Buenos Aires e alla Sala Tchaikovskij di Mosca, le lunghe tournée in Europa e in America e le numerose produzioni discografiche hanno accresciuto la sua fama: oggi Nordio è uno dei musicisti italiani di maggiore popolarità internazionale. Per questo la Fondazione Stradivari di Cremona lo ha scelto quale testimonial del suo progetto «Friends of Stradivari» che prevede concerti ed audizioni con i grandi violini da lei curati (Stradivari, Amati, Guarneri del Gesù e Bergonzi). Proprio con lo Stradivari «Joachim-Ma» del 1714 ha registrato il suo primo lavoro per Sony Classical, etichetta per la quale nel 2012 ha siglato un accordo di esclusiva. Il Cd include il Concerto Gregoriano di Respighi e la Tartiniana Seconda di Dallapiccola con Muhai Tang e la Filarmonica Toscanini. Acclamato camerista, Nordio è regolarmente presente nei più importanti Festival al fianco di Misha Maisky, Luis Lortie, Boris Belkin, Michele Campanella e Jeffrey Swann. Particolarmente stretto è il sodalizio con Mikhail Lidsky, con il quale ha inciso le Sonate di Brahms per violino e viola per Decca, con Andrea Bacchetti, suo partner negli ultimi sold out ai Festival di Ravenna e di Ravello e con Pietro De Maria. Nordio è molto attento alla musica di oggi e ha tenuto a battesimo brani di Semini, Donatoni (Duo per violino e viola nella Settimana Musicale Senese), Boccadoro («Cadillac Moon» eseguito con l'Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari e registrato dal vivo per Rai Trade), Dall'Ongaro ("La zona rossa") e Molinelli («Zorn Hoffnung Gesang", in prima assoluta in occasione del Concerto Finale del Concorso di Composizione «2 Agosto» con l'Orchestra del Teatro Comunale di Bologna e “GADE”, eseguito all’AsiagoFestival 2013). Allievo di Corrado Romano e di Michèle Auclair, ex bambino prodigio (ha tenuto il suo primo recital a dieci anni), Domenico Nordio ha vinto a sedici anni il Concorso Internazionale "Viotti" di Vercelli con il leggendario Yehudy Menuhin Presidente di Giuria. Dopo le affermazioni ai Concorsi Thibaud di Parigi, Sigall di Viña del Mar e Francescatti di Marsiglia, il Gran Premio dell'Eurovisione ottenuto nel 1988 gli ha dato immediata popolarità grazie anche alla finale trasmessa in tutta Europa in diretta televisiva dal Concertgebow di Amsterdam. Nordio è l'unico vincitore italiano nella storia del Concorso.
Francesca Degoè considerata fra le migliori interpreti italiane di oggi. A seguito dell'immediato successo del suo disco di debutto per Deutsche Grammophon con i 24 Capricci di Paganini suonati sul Guarneri del Gesù appartenuto a Ruggiero Ricci, si sta ora dedicando a incidere l'integrale delle sonate di Beethoven. Vincitrice di numerosi concorsi internazionali, nel 2008 e’ stata la prima violinista italiana ad entrare in finale al Premio Paganini di Genova dal 1961 aggiudicandosi inoltre il premio speciale “Enrico Costa” riservato al piu’ giovane finalista. Debutta da solista a soli 7 anni in California con un concerto di Bach, in Italia a 14 con Beethoven e l'anno dopo esegue la Sinfonia Concertane di Mozart con Shlomo Mintz al teatro d’opera di Tel Aviv e il Concerto di Brahms in Sala Verdi a Milano. Da allora si esibisce con le più importanti orchestre tra cui i Cameristi della Scala, l'Orchestre Philharmonique de Nice, la European Union Chamber Orchestra, la Verdi di Milano, la Sinfonica Arturo Toscanini, l'Orchestra Sinfonica del Teatro Colon di Buenos Aires, la Sofia Festival Orchestra, i Solisti di Rostov, la Sinfonica del Comunale di Bologna, la Israel Sinfonietta Beer-Sheva, la Haydn di Trento e Bolzano, la Filarmonica di Torino, l'Orchestra di Padova e del Veneto, l'Orchestra del Carlo Felice di Genova, l'Orchestra dell'Arena di Verona, la Sinfonica del Teatro "Verdi" di Trieste, Opera North Symphony Orchestra di Leeds, l'Orchestra del Teatro Petruzzelli di Bari, l'Orchestra della Toscana,  a fianco di solisti e direttori del calibro di Salvatore Accardo, Christopher Hogwood, Gianluigi Gelmetti, Joel Levi, Donato Renzetti, Gabriele Ferro, Bruno Giuranna, Derrik Inouye, Julian Kovatchev, Wayne Marshall, Antonio Meneses, Domenico Nordio, Daniele Rustioni, Peter Stark e Xian Zhang. E' regolarmente ospite di festival e stagioni concertistiche prestigiose in tutto il mondo tra cui la Wigmore Hall e la Royal Albert Hall di Londra, l'Oriental Arts Center di Shanghai e l'NCPA di Pechino, la Sala Tchaikovsky a Mosca e la Filarmonica di San Pietroburgo, il Teatro Colon di Buenos Aires, Ginevra, Bruxelles, in Austria e in Francia al Festival “Les Flâneries Musicales” di Reims e "Generation Virtuoses" di Antibes, in Libano al Festival Al Bustan, Peru' per la Sociedad Filarmonica di Lima. Ha partecipato da solista ai Concerti per la Vita e per la Pace a Betlemme e Gerusalemme con l’Orchestra Giovanile Italiana diretta da Nicola Paszkowski e al Concerto per il Giorno della Memoria 2014 al Parco della Musica a Roma, trasmessi dalla RAI in mondovisione. A giugno 2014 è stata invitata ad aprire i Mondiali di Calcio in Brasile con un recital al Teatro Municipal di Rio de Janeiro. Tra i prossimi impegni i debutti con orchestre del calibro dell'Orchestre Philharmonique de Monte-Carlo, Orquestra Sinfónica Portuguesa al Teatro Sao Carlos di Lisbona, Tokyo Symphony Orchestra alla celebre Suntory Hall, Kyushu Symphony, Orchestra Filarmonica Armena, Tarstastan State Symphony Orchestra (Russia), Orchestra da Camera di Mantova, Filarmonica Thailandese e l'Orchestre Philharmonique du Liban. La sua registrazione del concerto di Beethoven a 14 anni è stata usata come colonna sonora per il film documentario americano “The Gerson Miracle”, vincitore della Palma d’Oro 2004 al prestigioso Beverly Hills Film Festival e altre incisioni sono state inserite nel film del celebre regista americano Steven Kroschel, “The Beautiful Truth” (2008). E' inoltre stata invitata a duettare come guest artist con il celebre tenore Vittorio Grigolo nel suo disco Sony International "Ave Maria" (2013). Diplomata con lode e menzione speciale al Conservatorio di Milano sotto la guida di Daniele Gay, si e’ perfezionata con Salvatore Accardo all’ Accademia Stauffer di Cremona e all’Accademia Chigiana a Siena e con Itzhak Rashkovsky al Royal College of Music a Londra. Francesca suona un prezioso violino Francesco Ruggeri (Cremona 1697) e il Giuseppe Guarneri del Gesù ex-Ricci (Cremona 1734) per gentile concessione della “Florian Leonhard Fine Violins” di Londra.
L’Orchestradi Padova e del Veneto si è costituita nell’ottobre 1966 e nel corso di quasi cinquant’anni di attività si è affermata come una delle principali orchestre da camera italiane nelle più prestigiose sedi concertistiche in Italia e all’estero. L’Orchestra è formata sulla base dell’organico del sinfonismo “classico”. Peter Maag – il grande interprete mozartiano – ne è stato il direttore principale dal 1983 al 2001. Alla direzione artistica si sono succeduti Claudio Scimone, Bruno Giuranna, Guido Turchi, Mario Brunello (direttore musicale, 2002-2003), Filippo Juvarra (Premio della Critica Musicale Italiana “Franco Abbiati” 2002). Dall’agosto 2014 il direttore artistico è Clive Britton. Nella sua lunga vita artistica l’Orchestra annovera collaborazioni con i nomi più insigni del concertismo internazionale, tra i quali si ricordano S. Accardo, P. Anderszewski, M. Argerich, V. Ashkenazy, J. Barbirolli, Y. Bashmet, R. Buchbinder, M. Campanella, G. Carmignola, R. Chailly, C. Desderi, G. Gavazzeni, R. Goebel, N. Gutman, Z. Hamar, A. Hewitt, C. Hogwood, L. Kavakos, T. Koopman, A. Lonquich, R. Lupu, M. Maisky, V. Mullova, A.S. Mutter, M. Perahia, I. Perlman, M. Quarta, J.P. Rampal, S. Richter, M. Rostropovich, H. Shelley, J. Starker, R. Stoltzman, H. Szeryng, U. Ughi, S. Vegh, K. Zimerman. L’Orchestra è l’unica Istituzione Concertistico-Orchestrale (I.C.O.) operante nel Veneto e realizza circa 120 concerti l’anno, con una propria stagione a Padova, concerti in Regione, in Italia per le maggiori Società di concerti e Festival, e tournée all’estero. Tra gli impegni più recenti si ricordano i concerti diretti dal Maestro Tan Dun per il Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo, il concerto al Festival “In terra di Siena” diretto dal Maestro Vladimir Ashkenazy, i concerti a Milano per il Festival MITO SettembreMusica con il pianista e direttore Olli Mustonen, e a Venezia per il 7° Festival Internazionale di Danza Contemporanea e per il 57° Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale, a Orenburg (Russia) per il 4° Festival Internazionale Msitislav Rostropovich con il violoncellista e direttore David Geringas, tutti appuntamenti che hanno riscosso l’unanime plauso della critica. Nelle ultime Stagioni l’Orchestra si è distinta anche nel repertorio operistico, riscuotendo unanimi apprezzamenti in diversi allestimenti di Don Giovanni, Le nozze di Figaro e Così fan tutte di Mozart, L’elisir d’amore, Don Pasquale e Lucrezia Borgia di Donizetti, Rigoletto di Verdi, La voix humaine di Poulenc e Il telefono di Menotti. A partire dal 1987 l’Orchestra ha intrapreso una vastissima attività discografica realizzando oltre cinquanta incisioni per le più importanti etichette. Tra queste si segnalano i Concerti BWV 1054 e BWV 1058 di Bach e il Concerto K 503 di Mozart con S. Richter e Y. Bashmet (Teldec), i Concerti per violoncello di Boccherini con D. Geringas e B. Giuranna (Claves, Grand Prix du Disque 1989), La Betulia liberata di Mozart con P. Maag (Denon), i Concerti per violino e la Sinfonia Concertante di Mozart con F. Gulli e B. Giuranna (Claves), l’Integrale delle Sinfonie di Beethoven con P. Maag (Arts), il Concerto K 466 di Mozart con M. Argerich e A. Rabinovitch (Teldec), L’Isola disabitata e La fedeltà premiatadi Haydn con D. Golub (Arabesque), i Concerti per pianoforte K 595 e K 271 di Mozart e Hob:XVIII.11 di Haydn con J.M. Luisada e P. Meyer (BMG-France). Più recenti sono le pubblicazioni di un CD dedicato a E. Wolf-Ferrari con D. Dini Ciacci, oboe e corno inglese, P. Carlini, fagotto e Z. Hamar (cpo), dell’oratorio La Passione di Gesù Cristodi J.G. Naumann diretto da S. Balestracci (cpo), del DVD Homage to Amadeus con F.-J. Thiollier, pianoforte (Multigram), del CD dedicato alle Sinfonie concertanti per oboe e fagotto di G. Cambini con D. Dini Ciacci, oboe e direttore, P. Carlini, fagotto (Sony Classical) e del CD Checkpoint dedicato a musiche di M. Dall’Ongaro con Marco Angius, direttore (Stradivarius). Di prossima pubblicazione la prima registrazione mondiale della Passione di Gesù Cristo di F. Paër diretto da S. Balestracci (cpo) e i Concerti per violoncello di Haydn e Wranitzky con E. Bronzi, solista e direttore (Concerto).L’Orchestra di Padova e del Veneto è sostenuta da Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione del Veneto, Provincia di Padova, Comune di Padova e Fondazione Antonveneta. Dall’ottobre 2011 ha acquisito la natura giuridica di «Fondazione».     Teatro Dal VermeVia San Giovanni sul Muro 2 – Milano
Sabato 29 novembre ore 17.00
Wolfgang Amadeus Mozart Concertone in Do maggiore per due violini e orchestra, K 190                  Concerto in Si bemolle maggiore per violino e orchestra K 207                      Serenata in Sol maggiore “Eine kleine Nachtmusik” K 525Sinfonia concertante in Mi bemolle maggiore per violino, viole e orchestra K 364
Violino, Viola e Direttore: Domenico NordioViolino: Francesca DegoOrchestra di Padova e del Veneto
BIGLIETTIInteriPrimo Settore (Platea, dalla fila 1 alla 30): € 19,00 + prevenditaSecondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla 40): € 13,50 + prevenditaBalconata: € 10,50 + prevendita
Ridotti (Giovani under 26; Anziani over 60; Cral; Ass.Culturali, Biblioteche; Gruppi; Scuole e Università)Primo Settore (Platea, dalla fila 1 alla fila 30) € 15,00 + prevenditaSecondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla fila 40) € 11,50 + prevenditaBalconata € 8,50 + prevendita
BIGLIETTI per le prove generali aperteInteri: € 10,00 + prevenditaRidotti (Giovani under 26; anziani over 60; cral; ass. culturali, biblioteche; gruppi; scuole e università): € 8,00 + prevendita
Biglietteria TicketOne Teatro Dal Verme Via San Giovanni Sul Muro, 2 – 20121 Milano Tel. 02 87.905.201dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 18.00
www.ipomeriggi.it Biglietteria on-line: www.ticketone.it

(comunicato stampa)
2 days ago | |
Tag
| Read Full Story
Sabato 29 novembre alle ore 21.00, un concerto per celebrare i 90 anni della morte di Giacomo Puccini con l’Orchestra del Teatro Carlo Felice, guidata da Giuliano Carrella, e i solisti: Hasmik Papian, Mario Malagini, Massimo Cavalletti e Simone Soldati


È uno degli appuntamenti clou del festival Lucca, I giorni di Puccini quello di sabato 29 novembre alle ore 21.00 al Teatro del Giglio di Lucca. Il festival, iniziato lo scorso 22 novembre, si concluderà il prossimo 22 dicembre e intende celebrare nel 90° dalla sua morte Giacomo Puccini (Lucca, 23 dicembre 1858 – Bruxelles, 29 novembre 1924). 


Moltissime le iniziative in programma tra le quali, appunto, si segnala quella del 29: durante la serata saranno, infatti, presentate, in prima mondiale, due composizioni inedite del celebre compositore lucchese (Scherzo per orchestra e la versione per baritono e orchestra  della lirica Ad una morta) e sul palcoscenico, con il pianista Simone Soldati, sarà presente anche il pianoforte appartenuto a Puccini, uno “Steinway & Sons” oggi conservato nel Puccini  Museum – Casa natale di Lucca. Le due composizioni inedite sono state ricostruite, attraverso pagine autografe, grazie al lungo e lodevole lavoro di ricerca del Centro Studi Giacomo Puccini di Lucca.
Protagonisti del concerto, che proporrà anche l’esecuzione di celebri arie d’opera, oltre al pianista Simone Soldati ci saranno l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, diretta da Giuliano Carrella e i solisti: Hasmik Papian(soprano), Mario Malagnini (tenore) e Massimo Cavalletti (baritono).
Teatro del Giglio, LuccaSabato 29 novembre ore 21.00

Concerto realizzato in occasione del 90° anniversario della morte di Giacomo Puccini
Orchestra del Teatro Carlo Felice di GenovaDirettore Giuliano Carella
Hasmik Papian, soprano
Mario Malagnini, tenore
Massimo Cavalletti, baritono
Simone Soldati, pianoforte
Scherzo per orchestra
INEDITO

Gratias agimus tibi
aria per tenore e orchestra tratta dalla Messa a 4 voci
Mario Malagnini, tenore

Ad una morta
aria per baritono e pianoforte
Massimo Cavalletti, baritono - Simone Soldati, pianoforte

Ad una morta
aria per baritono e orchestra
INEDITO

Massimo Cavalletti, baritono

Capriccio sinfonico

da Manon Lescaut: Intermezzo
da Tosca: duetto primo atto tra Floria Tosca e Mario Cavaradossi
Hasmik Papian, soprano - Mario Malagnini, Tenore

da Tosca: “Vissi d’arte
Hasmik Papian, soprano

da La bohème: duetto quarto atto Rodolfo e Marcello
Mario Malagnini, tenore - Massimo Cavalletti, baritono

da Madama Butterfly: “Un bel dì vedremo”
Hasmik Papian, soprano

da Gianni Schicchi: “Vittoria, vittoria!”
Massimo Cavalletti, baritono

da Suor Angelica: “Senza mamma”
Hasmik Papian, soprano

da Turandot: “Nessun dorma”
Mario Malagnini, tenore

N.B. Sarà possibile ascoltare le composizione inedite in diretta streaming QUI a partire dalle 20.50 del 29 novembre
Adriana Benignetti
2 days ago | |
Tag
| Read Full Story
Lunedì 8 dicembre Salvatore Accardo e Michele Campanella si esibiranno a Castel Sant’Elmo per la 12a edizione del concerto a cura di BNL e Maggio della Musica per sostenere la ricerca scientifica per la cura delle malattie genetiche



È stata presentata questa mattina in conferenza stampa la 12aedizione di “Musicalmente per Telethon”. Alla conferenza sono intervenuti Giovanni Biscione, direttore Territoriale Sud Retail e Private di BNL Gruppo BNP Paribas, Sergio Meomartini, presidente associazione Amici del Maggio, e Michele Campanella, direttore artistico Maggio della Musica.

La dodicesima edizione di “Musicalmente per Telethon” è in programma lunedì 8 dicembre 2014 alle ore 21.00 presso l’Auditorium di Castel Sant’Elmo in Napoli. La soirée musicale, i cui proventi sono destinati alla Fondazione Telethon per sostenere la ricerca scientifica per la cura delle malattie genetiche, ospita quest’anno il quartetto d’archi formato da Salvatore Accardo e Laura Gorna ai violini, Francesco Fiore alla viola e Cecilia Radic al violoncello, insieme con il pianista Michele Campanella, per un concerto interamente dedicato al repertorio di Robert Schumann con il Quartetto op. 41 per archi e a seguire il Quintetto con piano op. 44.
Promossa da BNL Gruppo BNP Paribas – partner ufficiale della Fondazione Telethon sin dal 1992 – e dall’associazione “Maggio della Musica”, la dodicesima edizione di “Musicalmente per Telethon” è realizzata in collaborazione con la Soprintendenza per il Polo Museale di Napoli e gli sponsor tecnici Azienda Napoletana Mobilità (Anm) spa e Santarpino Pianoforti. La partnership di BNL con Telethon è uno dei maggiori progetti di fund raising in Europa: la Banca affianca da oltre 20 anni la Fondazione Telethon nella raccolta dei fondi a sostegno della ricerca scientifica sulle malattie genetiche, condividendone valori e missione. Una proficua collaborazione che ha permesso di raccogliere complessivamente dal 1992, 245 milioni di euro. Cifra che ha contribuito a far avanzare la ricerca su centinaia di malattie genetiche e che ha consentito a Telethon di mettere a punto terapie per alcune malattie rare prima considerate incurabili. Grazie ai fondi raccolti, negli anni la Fondazione Telethon ha potuto infatti finanziare 1.547 ricercatori per 2.532 progetti di ricerca su 450 malattie. genetiche. Telethon si è impegnata dal 1990 a trasformare i risultati della ricerca di base in terapie accessibili. Un passaggio impegnativo che si avvale anche della collaborazione con istituzioni sanitarie pubbliche e aziende farmaceutiche. Per chi vuole contribuire con una donazione a Telethon sono disponibili – tutto l’anno – le agenzie, i bancomat e i canali on line della Banca: telethon.bnl.it, bnl.it e la fan page “BNL per Telethon” su Facebook e Twitter.
Musicalmente per TelethonXII edizione
Lunedì 8 dicembre 2014 ore 21.00Auditorium di Castel Sant’Elmo (Napoli)
Salvatore Accardo, violinoLaura Gorna, violinoFrancesco Fiore, violaCecilia Radic, violoncelloMichele Campanella, pianoforte
Robert Schumann, Quartetto op. 41 per archiRobert Schumann, Quintetto con piano op. 44Informazioni e Prenotazionitel. 081.560.47.00 (ore 9.30-13; 14.30-18)maggiodellamusica@libero.it - www.maggiodellamusica.it
PrevenditeCastel Sant’Elmo dalle ore 10 alle 13 e da un’ora prima del concertoConcerteria: via Schipa 23 (Napoli) tel. 081.7611221Il Botteghino: via Pitloo 3 (Napoli) tel. 081.5564684Promos: via Massimo Stanzione 49 (Napoli) tel 081. 5564726
(Comunicato stampa)

4 days ago | |
Tag
| Read Full Story
Venerdì 28 novembre alle ore 18.00, appuntamento con Daniele Spini e “Salvataggio sinfonico in extremis”

Sarà Daniele Spini, critico musicale, nell’incontro “Salvataggio sinfonico in extremis”, a illustrare, con l’ausilio di ascolti e video, Fidelio. Opera in due atti di Ludwig van Beethoven, su libretto di Joseph Sonnleithner e Georg Friedrich Treitschke, Fidelioinaugurerà la Stagione di Opera e Balletto 2014/2015 il prossimo 7 dicembre, con la regia di Deborah Warner e la direzione di Daniel Barnboim. 

L’appuntamento, che fa parte del ciclo “Prima delle prime” (organizzato dagli Amici della Scala) è per venerdì 28 novembre alle ore 18.00 presso il Ridotto dei palchi “A. Toscanini” del Teatro alla Scala di Milano. L’accesso al Foyer “Toscanini” non richiede biglietto: basta presentarsi all’ingresso principale del Teatro con un certo anticipo. L’accesso è regolato dalle maschere e si ferma al raggiungimento della capienza consentita dalle norme di sicurezza per il Ridotto (150 posti a sedere). 

Adriana Benignetti


4 days ago | |
Tag
| Read Full Story
Per la prima volta ospiti in una stagione de “I Pomeriggi Musicali”, I Virtuosi Italiani, giovedì 27 novembre alle ore 21.00 eseguiranno, guidati da Alberto Martini, musiche di Vivaldi, Corelli, Tartini e Geminiani
Eccellente livello artistico, idee musicali innovative e costante attenzione riservata alla scelta del repertorio, con l’obiettivo di coinvolgere un pubblico sempre più ampio: sono queste le principali doti che vengono riconosciute a I Virtuosi Italiani, complesso nato nel 1989, tra i più apprezzati sulla scena internazionale. 
Guidata da Alberto Martini, la formazione sarà ospite, per la prima volta, in una stagione de I Pomeriggi Musicali di Milano. In una data unica – giovedì 27 novembre alle ore 21.00 – I Virtuosi Italiani presenteranno un programma che presenta pagine, tra le più celebri, di Vivaldi, Corelli, Tartini e Geminiani.
Ad aprire la serata sarà Vivaldi con La tempesta di mare e Il piacere –  tratti dalla raccolta Il cimento dell'armonia e dell’inventione –,Il favorito (concerto in mi minore per violino) e la Sinfonia avanti l'opera da L'Olimpiade. Poi, si ascolterà, di Corelli, il Concerto grosso n. 4; di Tartini, il Concerto per violino e archi; infine, in chiusura La follia, Concerto grosso di Geminiani
I Virtuosi Italiani, complesso nato nel 1989, è una delle formazioni più attive e qualificate nel panorama artistico internazionale. Attualmente è considerato il complesso italiano che più si sta distinguendo per l’eccellente livello artistico prodotto in questi ultimi anni, per le idee musicali innovative e per le strategie manageriali dimostrate. Una acclamatissima tournée in Sud America, ha confermato I Virtuosi Italiani come l’ensemble strumentale italiano più credibile a livello internazionale per le proprie interpretazioni del repertorio italiano e straniero consacrandolo quale ambasciatore della Cultura e della Musica italiana nel Mondo. In questi più di vent’anni di attività, sempre maggiore attenzione è stata riservata ad una scelta di repertorio sempre mirato al coinvolgimento di un pubblico sempre più vasto con una particolare attenzione ai giovani. In questa direzione sono nati proprio gli ultimi progetti realizzati: MOZartoons (una famosa opera mozartiana resa multimediale con una messa in scena attraverso dei cartoni animati disegnati ad hoc), Evolution,con Giovanni Allevi, Jazz Lightningcon il pianista jazz Uri Caine, un progetto in esclusiva con Cesare Picco dedicato al più antico e importante romanzo della cultura giapponese, Genji Monogatari, Back to Bach, con il famoso trombettista jazz Paolo Fresu e altri. Tra gli impegni recenti più rilevanti dell’ultimo triennio si segnalano il Concerto per il Senato della Repubblica Italiana e trasmesso in diretta da RAI 1, il Concerto per la Vita e per la Paceeseguito a Roma, Betlemme e Gerusalemme e trasmesso dalla RAI in Mondovisione, il Concerto presso l’Aula Paolo VI (Aula Nervi) alla presenza del Santo Padre Benedetto XVI, il debutto alla Royal Albert Hall di Londra, una tournée in Estonia che li ha visti partecipare, per la seconda volta in pochi anni, al noto Barokkmuusika Festival. I Virtuosi Italiani, dal 2011, sono complesso residente con una stagione concertistica a Venezia nella Chiesa dell’Ospedale della Pietà, luogo in cui Antonio Vivaldi per tutta la sua vita suonò, insegnò e diede la luce a tutte le opere. Questi ultimi anni sono stati fino ad oggi ricchi di impegni e soddisfazioni. A partire dai progetti Jazz Lightning con il famoso pianista statunitense Uri Caine e Back to Bach con il trombettista jazz Paolo Fresu, che ha visto I Virtuosi Italiani protagonisti nei più prestigiosi teatri e società di concerto italiane e svizzere, e naturalmente la stagione concertistica a Verona, oltre a numerose altre tournée sempre Italia, ma anche all’estero (Polonia, Spagna, Europa dell’Est, Stati Uniti, Tunisia, Sud America, Cina e Giappone) e nuove incisioni discografiche. Molteplici sono le collaborazioni con solisti e direttori: Pierre Amoyal, Ramin Bahrami, Lazar Berman, Pavel Berman, Fabio Biondi, Stanislav Bunin, Michele Campanella, Bruno Canino,Gautier Capucon, Giuliano Carmignola, Enzo Dara, Pietro De Maria, Claudio Desderi, Mariella Devia, Enrico Dindo, Benedetto Lupo, Eva Mei, Cinzia Forte, Roberto De Candia, Diego Fasolis, Patrick Gallois, Bruno Giuranna, Natalia Gutman, Barbara Hendricks, Angela Hewitt, Vincenzo La Scola, Katia e Marielle Labeque, Maxence Larrieu, Misha Maisky, Lev Markiz, Massimo Mercelli Federico Mondelci, Andres Mustonen, Ilya Grubert, Jin Ju, Kristof Penderecky, Massimo Quarta, Julian Rachlin, Vadim Repin, Dmitri Sitkovetsky, Tatyana Vassilyeva, Pavel Vernikov, Elisso Virsaladze, Lilya Zilberstein, e molti altri. Hanno collaborato all’allestimento dell’Apollon Musagetedi Stravinsky con il New York City Ballet; nel 2001 hanno eseguito tutte le opere in un atto di Rossini per l’Opera Comique di Parigi e hanno tenuto due concerti alla Konzerthaus di Vienna. I Virtuosi Italiani si sono esibiti per i più importanti teatri e per i principali enti musicali italiani e stranieri quali il Teatro alla Scala, il Teatro Dal Verme e la Sala Verdi a Milano, il Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro La Fenice, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, il Teatro Comunale di Modena, il Teatro Regio di Parma, il Teatro Filarmonico di Verona, l’Arena di Verona, l’Associazione Barattelli di L’Aquila, l’Unione Musicale di Torino, l’Istituzione Universitaria dei Concerti di Roma, il Teatro alla Pergola di Firenze, la Società Filarmonica di Roma e molti altri. Numerose le tournées all’estero: Francia (Festival Pablo Casals di Prades, Festival Berlioz, Aix-en-Provence, Bordeaux), Germania, Svizzera, Spagna, Portogallo, Inghilterra (Londra Royal Albert Hall), Polonia, Lituania, Lettonia, Finlandia, Slovenia (Festival Internazionale di Lubiana), Russia (San Pietroburgo, Mosca Sala Grande del Conservatorio Tchaikovsky, Sala Tchaikovsky della Filarmonica), Iran, Corea e Stati Uniti d’America (New York, Los Angeles, Philadelphia), Paesi Baltici. Ultima, ma solo in ordine cronologico che li ha visti protagonisti nei più importanti Teatri e ospiti delle più prestigiose stagioni concertistiche in Sud America (Buenos Aires -Teatro Coliseo, Rosario – Teatro El Circulo, Mendoza – Teatro Indipendencia, Montevideo –Teatro Solis solo per citarne alcuni). Nel segno della versatilità che contraddistingue la filosofia del gruppo significativo è altresì l’interesse da sempre dimostrato per il repertorio di confine, strada che I Virtuosi Italiani hanno seguito al più alto livello collaborando con artisti del calibro di Chick Corea, Goran Bregovic, Michael Nyman, Ludovico Einaudi, Franco Battiato, Giovanni Allevi, Uri Caine, Paolo Fresu, Cesare Picco e Antonella Ruggiero. L’impostazione artistica vede come figura cardine quella del Konzertmeister Alberto Martini e il Direttore principale ospite è Corrado Rovaris; da ottobre 2011 il violinista Pavel Berman ricopre il ruolo di solista-principale ospite.
Teatro Dal VermeVia San Giovanni sul Muro 2 – Milano
Giovedì 27 novembre ore 21.00
Maestro di concerto al violino: Alberto MartiniI Virtuosi Italiani
Vivaldi, La tempesta di mare, concerto per violinoVivaldi, Il piacere,concerto per violino e orchestraVivaldi, Il favorito, concerto per violino e orchestra Vivaldi, Sinfonia avanti l'opera da L'OlimpiadeCorelli, Concerto grosso n.4, op.IVTartini, Concerto per violini e archi Geminiani, La follia, concerto grosso n.12

BIGLIETTIInteriPrimo Settore (Platea, dalla fila 1 alla 30): € 19,00 + prevenditaSecondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla 40): € 13,50 + prevenditaBalconata: € 10,50 + prevendita
Ridotti (Giovani under 26; Anziani over 60; Cral; Ass.Culturali, Biblioteche; Gruppi; Scuole e Università)Primo Settore (Platea, dalla fila 1 alla fila 30) € 15,00 + prevenditaSecondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla fila 40) € 11,50 + prevenditaBalconata € 8,50 + prevendita
BIGLIETTI per le prove generali aperteInteri: € 10,00 + prevenditaRidotti (Giovani under 26; anziani over 60; cral; ass. culturali, biblioteche; gruppi; scuole e università): € 8,00 + prevendita
Biglietteria TicketOne Teatro Dal Verme Via San Giovanni Sul Muro, 2 – 20121 Milano Tel. 02 87.905.201dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 18.00
www.ipomeriggi.it Biglietteria on-line: www.ticketone.it
Adriana Benignetti

4 days ago | |
Tag
| Read Full Story
Dal 25 novembre al 18 dicembre concerti, spettacoli, conferenze e laboratori dedicati a Beethoven e al “Fidelio”, opera inaugurale della stagione scaligera

«La prima diffusa della Scala è ormai un formato di grande successo che permette di raccontare non solo l’opera di Beethoven, ma anche le vicende dei suoi personaggi.  
Molti sono, infatti, i temi di interesse, a partire dalla presenza di Barenboim sul podio. Nell’opera c’è anche il tema importante del rapporto tra libertà e giustizia, che interroga le nostre coscienze ancora oggi. La grande diffusione di questa iniziativa, con un calendario che va ben oltre la prima e la grande diffusione territoriale dei vari appuntamenti, dimostra e conferma il nostro impegno per fare di Milano una città della cultura diffusa». Filippo Del Corno, assessore alla Cultura
Arriva a Milano “Fidelio in città”, un ricco calendario di oltre quaranta eventi gratuiti, promossi dal Comune di Milano e Edison, dedicati a Beethoven e al Fidelio, l’opera che inaugurerà la stagione scaligera di quest’anno, diretta da Daniel Barenboim. Dal 25 novembre al 18 dicembre, in tutta la città, si alterneranno concerti, spettacoli, conferenze, laboratori ispirati e dedicati alla musica del grande compositore.
Si inizia, il 25 novembre, con una lezione del maestro Daniel Barenboim che racconta Fidelio all’Università Cattolica. Tra gli altri appuntamenti in programma, anche l’incontro tra Alexander Pereira, sovrintendente e direttore artistico del Teatro alla Scala e l’assessore Filippo Del Corno, cui seguirà la proiezione di “Fuoriscena” il documentario di Massimo Donati e Alessandro Leone che racconta un anno di vita all’Accademia Teatro alla Scala.
Il 4 dicembre si terrà una riflessione sui temi del Fidelio durante l’incontro con Gherardo Colombo, dal titolo “Si può arrivare al bene attraverso il male?” presso la Sala Azionisti di Edison in Foro Bonaparte 31.
Il 7 dicembre inaugura  #DomenicalMuseo, la prima giornata di apertura gratuita dei musei civici che aderiscono all’iniziativa promossa da Ministero dei Beni e le Attività Culturali per l’ingresso gratuito nei musei pubblici la domenica. Al Museo del Risorgimento e al Castello Sforzesco si terranno lezioni sul “Fidelio”.
“Fidelio in città” riserva una particolare attenzione ai bambini con una serie di attività organizzate al MUBA, anche durante la diretta e a WOW Spazio Fumetto dove è aperta la mostra e progetti nelle scuole a cura dell’Accademia del Teatro alla Scala.
GLI APPUNTAMENTI
Proiezioni gratuite in città14 sono le sedi dove si potrà assistere gratuitamente alla Prima del “Fidelio” di domenica 7 dicembre a partire dalle ore 18.00. Tutte le proiezioni sono ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti, salvo dove diversamente indicato
Zona 1Teatro dal Verme / Via San Giovanni Sul Muro 2www.dalverme.org
Muba / Museo dei bambini – Rotonda della Besana / Via Enrico Besana 12Durante la proiezione saranno organizzati laboratori per bambini sul maestro Beethovenwww.muba.it
Ottagono - Galleria Vittorio Emanuele II a cura della Fondazione Teatro alla Scala
Casa Circondariale di Milano San Vittorea ingresso riservato
Zona 2           Auditorium Gaber / Palazzo Pirelli / Regione Lombardia / via Fabio Filzi 22Prenotazione obbligatoria www.consiglio.regione.lombardia.it - primadellascala@consiglio.regione.lombardia.it -telefono 02 67482822 -  02 67486358
Zona 3           Auditorium Valvassori Peroni / via Valvassori Peroni 56
Zona 4Wow Spazio Fumetto / Viale Campania 12 www.museowow.it
Zona 5ATIR Teatro Ringhiera / piazza Fabio Chiesa – Via Pietro Boifava 17www.atirteatroringhiera.it
Zona 6Ex Fornace/ Alzaia Naviglio Pavese 16
Zona 7           Spazio Teatro 89 / via Fratelli Zoia 89www.spazioteatro89.org
Zona 8           Teatro IN-Stabile @ II Casa di reclusione di Milano – Bollate / Via Cristina Belgioioso 120, MilanoIngresso libero con prenotazione obbligatoria www.cooperativaestia.org - telefono 331.5672144 -  02.23168216
Casa delle Associazioni e del Volontariato Zona 8, Villa Scheibler /  via Orsini,21
Zona 9           Teatro della Cooperativa / via Hermada 8Prenotazione consigliata - www.teatrodellacooperativa.it
MIC Museo Interattivo del Cinema, viale Fulvio Testi 121www.cinetecamilano.it
FilodiffusioneDurante la settimana che precede la Prima, saranno diffuse in Galleria Vittorio Emanuele II, nei mezzanini ATM delle stazioni Duomo, Garibaldi, Loreto, Cadorna e Centrale brani di Beethoven gentilmente concessi da Universal Music.
Conferenze spettacolo
Daniel Barenboim racconta Fidelio martedì 25 novembre, ore 18.00Aula Magna – Università CattolicaLargo A. Gemelli, 1Ingresso libero fino ad esaurimento postiIl maestro Daniel Barenboim dialogherà con il professor Enrico Girardi per presentare il Fidelio di Ludwig van Beethoven. L'evento è curato dalla professoressa Paola Fandella.
Lezione ConcertoSabato 29 novembre – ore 18.00Auditorium Ottavanota – Via Marco Bruto 24Lezione interattiva tenuta dal professor Fabio Sartorelli
Waiting for... FidelioLunedi 1 Dicembre – ore 19.30Teatro dei Filodrammatici – via dei Filodrammatici 1Un omaggio all'opera di Beethoven in una serata condotta da Andrée Ruth Shammah. L'evento, giunto alla sua V edizione, sarà sempre dedicato a giovani artisti, che si esibiranno e riceveranno una borsa di studio a supporto della crescita del loro talento artistico. Al termine della serata presso il Teatro dei Filodrammatici, il ristorante Marchesino, di Gualtiero Marchesi, accoglierà gli ospiti per un rinfresco ispirato all'opera di Beethoven.
Si può arrivare al bene attraverso il male?Incontro con Gherardo Colombo Giovedì 4 dicembre, ore 18.30Edison – Sala AzionistiForo Bonaparte 31
Fidelio un’opera nel cuore dell’Europacon Alexander Pereira e Filippo Del Cornovenerdì 5 dicembre – ore 18.30Cinema Beltrade, Via Nino Oxilia 10
Dialogo pubblico fra Alexander Pereira, Sovrintendente e Direttore Artistico del Teatro alla Scala, e Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano.
Rinfresco offerto dal CdZ2.
A seguire proiezione gratuita del documentario “Fuoriscena”, regia di Massimo Donati e Alessandro Leone che racconta un anno di vita all’Accademia Teatro alla Scala (seconda proiezione gratuita sabato 6 dicembre ore 17.00).
La prima della prima alla scala – FidelioVenerdì 5 e sabato 6 dicembre, ore 21.00Teatro NO’HMA, via Andrea Orcagna 2A cura di Teatro NO’HMAStefano Jacini guidera` il pubblico in un fantastico viaggio nel contesto che vide nascere quest'opera e proporra` una lettura originale di questa composizione attraverso immagini inedite, curiosita` e aneddoti.Ingresso libero fino ad esaurimento posti – prenotazioni – nohma@nohma.it - telefono 0245485085

Lezioni Spettacolo dell’Accademia Teatro alla ScalaDomenica 7 dicembre Ore 12.00 – Castello Sforzesco (Sala Balla) - Fidelioore 14.30 - Museo del Risorgimento, via Borgonuovo 23 – Da Fidelio a Wozzeck
Spettacoli
Che ne resta di noi?         venerdì 28 novembre - ore 20.30 Teatro IN-Stabile @ II Casa di reclusione di "Milano - Bollate"  - Via Cristina Belgioioso 120, Milano
Ingresso libero con prenotazione obbligatoria www.cooperativaestia.org
telefono 331.5672144 -  02.23168216
Fidelio è un’opera che racconta la libertà ed è ambientata in un carcere, e “Fidelio in città” si spinge fino alla periferia della città alla Casa di reclusione di Milano Bollate dove da anni la Compagnia e.s.t.i.a. fa teatro con attori-detenuti. La nuova produzione Che ne resta di noi? cerca una risposta attraverso i corpi, mettendo in scena una partitura fisica maturata durante un lungo processo di improvvisazioni del gruppo di lavoro guidato, oltre che dalla regista Michelina Capato, dalla coreografa Claudia Casolaro e dall’allenatrice del “senso teatrale” Matilde Facheris.
La stagione di Fidelio martedì 2 dicembre – ore 18.30 Edison – Sala Azionisti – Foro Bonaparte 31Highlight della stagione d’Opera del Teatro alla Scala con i solisti dell’Accademia di Perfezionamento per Cantanti Lirici del Teatro alla Scala.
Cecilia Chailly & Ballakè Sissokomercoledì 10 dicembre – ore 21Chiesa di Santa Maria del Suffragio – corso XXII Marzo, MilanoIngresso libero fino ad esaurimento posti
Fidelio è un’opera d’amore, di libertà e d’incontro. Come è un incontro spirituale e sonoro quello fra Cecilia Chailly e Ballake Sissoko e quello tra due strumenti a corda: l’arpa classica e la kora, l’arpa africana. E per questo concerto la libertà della musica fa incontrare la milanese Cecilia Chailly, con un percorso assolutamente trasversale partito dalla musica classica, e Ballaké Sissoko, grande musicista che arriva dal Mali e ha saputo far conoscere la kora in tutta Europa.
Buon Compleanno BeethovenMartedì 16 dicembre Martedì 16 dicembre 2014, dalle 10 alle 20                                                                                                                                                                                                  
Wow Spazio Fumetto, in Viale Campania 12 Ingresso con prenotazione - mail info@museowow.it- telefono 0249524744In occasione del compleanno di Beethoven il museo apre gratuitamente le sue porte dalle 10.00 alle 20.00 a tutti i musicisti, gruppi e orchestre che vogliono venire ad eseguire brani beethoveniani per una giornata di grande musica!          
Realizzata con il Consiglio di Zona 4 del Comune di Milano, in collaborazione con l’Associazione ICM Insieme con la Musica,il Sistema Orchestre e Cori Giovanili e Infantili  (Lombardia) e Fondazione Pasquinelli  Bulgarian Voices Angelite giovedì 18 dicembre – ore 21Chiesa di Sant’Antonio Abate, via S. Antonio 5Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Leonora, la protagonista di Fidelio, trasforma quest’opera in un inno alla forza delle donne, e “Fidelio in Città” si conclude con un concerto di un coro tutto femminile: le Bulgarian Voices Angelite che nella loro trentennale carriera hanno saputo sedurre le platee di tutto il mondo con un originalissimo stile vocale: glissandi, singhiozzi, abbellimenti, contenuti in una molteplicità ritmica e metrica che verticalizza le voci in accordi temerari.
Per i bambiniDomenica al museo7 dicembreIn occasione di “Fidelio in Città” il Comune di Milano, in collaborazione con il Ministero dei Beni e le Attività Culturali, inaugura #DomenicalMuseo, le domeniche gratuite nei musei pubblici. Alle ore 12.00 al Castello Sforzesco e alle 14.30 al Museo del Risorgimento, in via Borgonuovo 23, Accademia Teatro alla Scala presenterà una lezione spettacolo gratuita su Fidelio e la nuova stagione del teatro.
BAM, BAM, BAM, BAAAAM!il mito di Beethoven raccontato a fumetti, dai Peanuts a PippoWOW Spazio FumettoViale Campania, 12 – Milanoingresso libero – info: www.museowow.it 29 novembre / 11 gennaio - ingresso liberoDai Peanuts a Pippo, dalla propaganda americana - che lo adotta come cantore della libertà contro gli orrori del Nazismo - alle eleganti scene delle Figurine Liebig, un viaggio nel mondo del fumetto e dell’illustrazione sulle tracce di Ludwig van Beethoven.
“PRIMA IN CLASSE!”Progetto dedicato alle scuoledicembre 2014 – maggio 2015Al fine di avvicinare i giovani ai contenuti, ai linguaggi e ai mestieri del teatro d'opera, Accademia Teatro alla Scala propone dei laboratori didattici indirizzati  alle scuole di ogni ordine e grado: un affascinante viaggio fatto di ascolti guidati e attività pratiche, che prevede percorsi di approfondimento su Fidelio (per le scuole superiori) e un concorso di arte visiva che porterà alla realizzazione di una mostra (per le scuole primarie).
Muba / Museo dei bambinisabato 6 dicembre ore 10, 14 e 16domenica 7 dicembre ore 10, 14 e 16Via Enrico Besana 12 / informazioni e prenotazionimail info@muba.it  telefono 02 4398 0402
Laboratori per bambini da 6 a 11 anni a cura di Muba e Lilopera. Si parte dalla narrazione della trama dell’opera Fidelio con l’ausilio di immagini, video e un musicista dal vivo. I bambini potranno poi approfondire la conoscenza degli strumenti che compongono l’orchestra e dei registri vocali lirici. A conclusione un'attività laboratoriale pratica di pittura dei costumi e delle scenografie dell’opera beethoveniana. Durata 1 ora e 30 minuti.
domenica 7 dicembre ore 18In occasione della Prima i genitori potranno assistere alla proiezione in diretta di Fidelio mentre i bambini potranno partecipare a laboratori appositamente ideati per loro.
Nome in codice FidelioPalazzina Liberty – largo Marinai di Italia 1Venerdì 5 dicembre – ore 22.00Edison e Comune di Milano ti invitano ad un party con musica dal vivo e dj internazionali nella più “libertina” pista da ballo della città. Dress code: Creative Black Tie + Mask
“Fidelio in città” è promosso da Comune di Milano - Assessorato alla Cultura e da Edison. Produzione esecutiva Ponderosa Music & Art. Con la collaborazione di Teatro alla Scala, Accademia Teatro alla Scala, Universal Music Group, RAI, ATM, Teatro dal Verme, Cinema Beltrade, Muba - Museo dei Bambini, Regione Lombardia, Casa Circondariale di Milano San Vittore, Wow Spazio Fumetto, ATIR Teatro Ringhiera, Spazio Teatro 89, Casa delle Associazioni e del Volontariato Zona 8, Teatro della Cooperativa, MIC Museo Interattivo del Cinema, Museo del Castello Sforzesco, Museo del Risorgimento, Accademia del Teatro alla Scala, e.s.t.i.a., II Casa di Reclusione di Milano Bollate, Università Cattolica, Ottavanota, Teatro NO'HMA, Scuola musicale di Milano e tutti i Consigli di Zona del Comune di Milano. La diretta in Ottagono, Galleria Vittorio Emanuele II è realizzata grazie al contributo del Teatro alla Scala e dei propri partner ufficiali: Edison, Rolex Italia, BMW Italia, JT International, Fondazione Banca del Monte di Lombardia.

Per maggiori informazioni: www.comune.milano.itwww.edison.it
5 days ago | |
Tag
| Read Full Story
1 - 10  | 123456789 next
InstantEncore